Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia consapevole. Se desideri saperen di più clicca QUI

Ti trovi qui:la dottrina del fondamento»L'imposizione delle mani nella Bibbia
A+ A A-

L'imposizione delle mani nella Bibbia

L'IMPOSIZIONE DELLE MANI NELLA BIBBIA

L'imposizione delle mani fa parte della dottrina del fondamento. (Ebrei 6:1,2) Ogni volta che s'impongono le mani; nel regno spirituale qualcosa avviene.

E' importante, perché attraverso di esse possiamo impartire guarigione alle persone. "Imporranno le mani agli infermi, e questi guariranno". (Marco 16:18)

DEFINIZIONE DELLE IMPOSIZIONE DELLE MANI

E' uno dei fondamenti della dottrina cristiana.

Non è basato su abilità umana.

E' un segno che ha valore se lo trattiamo con riverenza. (1Timoteo 5:22)

E' un segno esteriore visibile che ha un effetto sull'invisibile.

E' un segno dato solo ai credenti nati di nuovo.

Affinché abbia valore è necessario farlo con fede (I sette esorcisti erano figli del capo sacerdote Sceva, erano itineranti e furono malmenati Atti 19:13).

Non ha niente a che fare con la magia, pranoterapia e altre simili cose.

E' un diretto comando del Signore Gesù Cristo.

Non serve a cacciare i demoni, il Signore non impose mai le mani su nessuno posseduto ma usava la parola per sgridare i demoni. (Luca 4:41; Matteo 8:16; )

N.B. Non si esegue con un oggetto o con la croce, ma nel nome di Gesù.

[usi nell'antico testamento]

USI NELL'ANTICO TESTAMENTO

Nell' A.T. si usava in primo luogo per benedire. (Giacobbe benedice Efraim e Manasse incrociando le mani).

Genesi:48:1420 Allora Israele stese la sua mano destra e la posò sul capo di Efraim che era il più giovane, e posò la sua mano sinistra sul capo di Manasse incrociando le mani, benché Manasse fosse il primogenito. Così benedisse Giuseppe e disse: «Il DIO, davanti al quale camminarono i miei padri Abrahamo e Isacco, il DIO che mi ha pasturato da quando esisto fino a questo giorno, l'Angelo che mi ha liberato da ogni male, benedica questi fanciulli! Siano chiamati col mio nome e col nome dei miei padri Abrahamo e Isacco, e moltiplichino grandemente sulla terra!». Or quando Giuseppe vide che suo padre posava la sua mano destra sul capo di Efraim, ciò gli dispiacque; prese quindi la mano di suo padre per levarla dal capo di Efraim e metterla sul capo di Manasse. Giuseppe disse quindi a suo padre: «Non così, padre mio, perché il primogenito è questo; metti la tua mano destra sul suo capo». Ma suo padre si rifiutò; e disse: «Lo so, figlio mio, lo so; anche lui diventerà un popolo, e anche lui sarà grande; tuttavia il suo fratello più giovane sarà più grande di lui, e la sua discendenza diventerà una moltitudine di nazioni». E in quel giorno li benedisse, dicendo: «Per te Israele benedirà, dicendo: "DIO ti faccia come Efraim e come Manasse!"». Così egli pose Efraim prima di Manasse.

Ma anche nel Nuovo Testamento. (Gesù benedice i bambini toccandoli).

Luca 18:15 Gli presentarono anche dei piccoli fanciulli perché li toccasse; ma i discepoli, vedendo ciò, li sgridavano.

Levitico 4:14-24 ; 16:21 Per trasferire colpe, ma non viene più usato nel N.T. La colpa della persona veniva trasferita su un torello o un montone.

Testimonianza di un peccato prima di essere lapidato (il bestemmiatore). Venivano imposte le mani e poi lapidato (Peccato che mena a morte).

Levitico 24:14 "Porta quel bestemmiatore fuori dell'accampamento; tutti quelli che l'hanno udito posino le mani sul suo capo, e tutta l'assemblea lo lapidi.

Vedi similitudine con Giov. 10:30-34, in particolare il verso 33: " I Giudei gli risposero, dicendo: «Noi non ti lapidiamo per nessuna opera buona, ma per bestemmia, e perché tu che sei uomo ti fai Dio".

Tramite l'imposizione delle mani venivano trasferite sugli animali le colpe degli uomini.

Per ordinare i leviti. (Offerta agitata = simbolo di risurrezione vita chiamata particolare)

"Così farai avvicinare i Leviti davanti all'Eterno e i figli d'Israele poseranno le loro mani sui Leviti; 11 quindi Aaronne presenterà i Leviti come offerta agitata davanti all'Eterno da parte dei figli d'Israele, perché compiano il servizio dell'Eterno".(Num.8:3-10)

Significa anche mettere da parte qualcuno per un servizio divino. (Giosuè fu fatto partecipe dell'autorità di Mosè).

Numeri 27:18-19 Allora l'Eterno disse a Mosè: «Prendi Giosuè, figlio di Nun, uomo in cui è lo Spirito, e posa la tua mano su di lui; 19 poi lo farai comparire davanti al sacerdote Eleazar e davanti a tutta l'assemblea e gli darai gli ordini in loro presenza, 20 e lo farai partecipe della tua autorità, affinché tutta l'assemblea dei figli d'Israele gli obbedisca.

Per ricevere sapienza per l'imposizione delle mani. (Giosuè fu riempito di sapienza perché Mosè gli impose le mani).

Deuteronomio 34:9 "Allora Giosuè, figlio di Nun, fu ripieno dello spirito di sapienza, perché Mosè aveva imposto le mani su di lui; così i figli d'Israele gli ubbidirono e fecero come l'Eterno aveva comandato a Mosè".

Per benedire il popolo. (Aronne dopo l'olocausto benedì il popolo.)

Levitico 9:22 Poi Aaronne alzò le sue mani verso il popolo e lo benedisse; dopo aver fatto il sacrificio per il peccato, l'olocausto e i sacrifici di ringraziamento discese dall'altare.

Luca 24:50 " Poi li condusse fuori fino a Betania e alzate in alto le mani, li benedisse. E avvenne che, mentre egli li benediceva, si separò da loro e fu portato su nel cielo".

[usi nel nuovo testamento]

USI NEL NUOVO TESTAMENTO

Per guarire gli ammalati. Marco 6:5 E non potè fare lì alcuna opera potente, salvo che guarire

pochi infermi.

Marco 16:18 "Imporranno le mani agli infermi, Luca 4:40 "Al tramontar del sole, tutti coloro che aveva e questi guariranno". no che avevano degli infermi colpiti da varie malattie li condussero da Lui; ed Egli impose le mani su ciascuno di loro, li guarì.

Atti 19:11 "E Dio faceva prodigi straordinari Atti 28:8 "Or avvenne che il padre di Publio giaceva a per le mani di Paolo". letto, malato d i febbre e di dissenteria; Paolo andò a trovarlo e, dopo avere pregato gli impose le mani e lo guarì".

N.B. Noi guariamo gli altri per fede, l'unzione viene trasferita.

Per ricevere lo Spirito Santo. Atti 8:17 "Imposero quindi loro le mani ed essi ricevette

ro lo Spirito Santo".

N.B. (Lo S.S. si riceve anche senza l'imposizione delle mani).

Per liberare da spiriti d'infermità Luca 13:11-16

Ed ecco vi era una donna, che da diciotto anni aveva uno spirito di infermità, ed era tutta curva e non poteva in alcun modo raddrizzarsi.

Or Gesù, vedutala, la chiamò a sé e le disse: «Donna, tu sei liberata dalla tua infermità».

E pose le mani su di lei ed ella fu subito raddrizzata, e glorificava Dio.

Ma il capo della sinagoga, indignato che Gesù avesse guarito in giorno di sabato, si rivolse alla folla e disse: «Vi sono sei giorni in cui si deve lavorare; venite dunque in quelli a farvi guarire e non in giorno di sabato».

Allora il Signore gli rispose e disse: «Ipocriti! Ciascun di voi non slega forse di sabato dalla mangiatoia, il suo bue o il suo asino per condurlo a bere?

Non doveva quindi essere sciolta da questo legame, in giorno di sabato, costei che è figlia di Abrahamo e che Satana aveva tenuta legata per ben diciotto anni?».

Conferma dei doni o ministeri. Non per trasferire 1 Timoteo 4:14

1Timoteo 4:14 Non trascurare il dono che è in te che ti è stato dato per profezia, con l'imposizione delle mani da parte del collegio degli anziani (E' tradotto vuol dire: ti fu comunicato per profezia, ti fu confermato).

Atti 13:2 Or, mentre celebravano il servizio al Signore e digiunavano, lo Spirito Santo disse: «Mettetemi da parte Barnaba e Saulo per l'opera alla quale li ho chiamati».

Allora, dopo aver digiunato e pregato, imposero loro le mani e li congedarono. (Atto pubblico che amministravano solo gli i ministri).

Per il servizio naturale. (Diaconi) Atti 6:3-6

Perciò, fratelli, avvisate di trovar fra voi sette uomini, de' quali si abbia buona testimonianza, pieni di Spirito Santo, e di sapienza, i quali noi costituiamo sopra quest'affare.

E quant'è a noi, noi persevereremo nelle orazioni, e nel ministerio della parola.

E questo ragionamento piacque a tutta la moltitudine; ed elessero: Stefano, uomo pieno di fede, e di Spirito Santo, e Filippo, e Procoro, e Nicanor, e Timon, e Parmena, e Nicolao, proselito Antiocheno.

I quali presentarono davanti agli apostoli; ed essi, dopo avere orato, imposero lor le mani.

N.B. Non sempre Gesù impose le mani (Tabita), e poi Marco 7:32-35:

Marco 32 E gli presentarono un sordo che parlava a stento, pregandolo di imporgli le mani.

Ed egli, condottolo in disparte, lontano dalla folla, gli mise le dita negli orecchi e, dopo aver sputato, gli toccò la lingua.

Poi, alzati gli occhi al cielo, sospirò e gli disse: «Effata», che vuol dire: «Apriti!».

E subito gli si aprirono gli orecchi si sciolse il nodo della sua lingua e parlava distintamente.

Non bisogna imporre con precipitazione le mani. 1Timoteo 5:22

Non imporre con precipitazione le mani ad alcuno e non partecipare ai peccati altrui; conserva te stesso puro.

Ultima modifica ilMartedì, 24 Gennaio 2012 18:04
Torna in alto

la sorgente di vita

Entra or Crea Account