Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia consapevole. Se desideri saperen di più clicca QUI

Ti trovi qui:la dottrina del fondamento»L'Espiazione di Cristo
A+ A A-

L'Espiazione di Cristo

CRISTO: "L'ESPIAZIONE"

INTRODUZIONE: "Cristo infatti non è entrato in un santuario fatto da mani d'uomo, Figura delle cose vere, ma nel cielo stesso per comparire ora davanti alla presenza di Dio per noi, Cristo infatti non è entrato in un santuario fatto da mani d'uomo, figura delle cose vere, ma nel cielo stesso per comparire ora davanti alla presenza di Dio per 25 e non per offrire se stesso più volte, come il sommo sacerdote che entra ogni anno nel santuario con sangue, non suo. 26 altrimenti egli avrebbe dovuto soffrire più volte dalla fondazione del mondo; ma ora, una sola volta, alla fine delle età, Cristo è stato manifestato per annullare il peccato mediante il sacrificio di se stesso. 27 E come è stabilito che gli uomini muoiano una sola volta, e dopo ciò viene il giudizio, 28 così anche Cristo, dopo essere stato offerto una sola volta per prendere su di sé i peccati di molti, apparirà una seconda volta senza peccato a coloro che lo aspettano per la salvezza". (Ebrei 9:24)

Espiazione – Ebr. dal verbo cafar, che significa in primo luogo coprire.

Così in Genesi 6:14 il verbo usato a proposito della costruzione dell'arca è cafar: "spalmata di pece".

Questo verbo prese in seguito il significato di togliere, cancellare.

A) Un peccato espiato è un peccato sottratto alla vista di Dio, coperto. Infatti nel Salmo 32:1 è scritto: Beato colui la cui trasgressione è rimessa e il cui peccato è coperto.

La parola "espiare", che ha in se anche il senso di "riparare", porta anche a quello di riconciliare, ed è proprio questo concetto che viene poi sviluppato dagli apostoli in un uso più completo che può essere detto: "Riconciliazione con Dio per mezzo di Gesù Cristo". 2 Corinzi 5:18 "Ora tutte le cose sono da Dio che ci ha riconciliate a se per mezzo di Gesù Cristo e ha dato a noi il ministero della riconciliazione". (Noi facciamo da ambasciatori per Cristo).

B) Nel N.T. la parola espiazione assume un significato ancora più completo e preciso.

Le parole greche sono: Thusia= sacrificio; Ilasmos = propiziazione; Catallaghe = riconciliazione; Prosfora = offerta; Apoliutrosis = redenzione; Liutron= riscatto.

TRE SOTTOPUNTI

La remissione dei peccati = perdono dei peccati ha come base lo spargimento di sangue (il sangue stesso di Cristo).

La propiziazione = rendere Dio propizio tramite l'espiazione.

La sostituzione = che vuol dire che Cristo agisce a nostro vantaggio essendosi sostituito a noi nella sostituzione della colpa.

2) Ora andiamo a vedere alcune scritture che ci introducono che ci introducono ai diversi patti che Dio ha fatto con l'uomo.

A) Primo patto all'insaputa dell'uomo, è come

se Dio avesse stabilito con lui un patto.

Genesi 3:15 " E io porrò inimicizia fra te e la donna e fra il tuo seme e il seme di lei; esso ti schiaccerà il capo, e tu ferirai il suo calcagno».

Questo era profetico di Gesù che avrebbe vinto per mezzo della croce satana, ma che non sarebbe stato privo di ferite.

I° Sottopunto.

Schiacciare il capo vuol dire: dichiarare legalmente la propria autorità su qualcuno in questo contesto al diavolo, e impedirgli di esercitare la propria.

N.B. Gesù vincendo per mezzo della croce riprende al diavolo l'autorità che questi aveva preso ad Adamo illegalmente.

In Matteo 4:8-9 "Di nuovo il diavolo lo trasportò sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo e la loro gloria 9 e gli disse: «Io ti darò tutte queste cose se, prostrandoti a terra, mi adori». (Il diavolo era diventato il re di questo mondo, invece prima lo era Adamo).

II° Sottopunto.

Ferire il calcagno: vuol dire essere colpito in maniera insidiosa. E questo è quello che fece satana per mezzo di Giuda.

Leggiamo qualche scrittura riguardo a questo:

Giovanni 13:2 "E, finita la cena, avendo già il diavolo (messo in cuore a Giuda Iscariota, figlio di tradirlo". (E giuda fu apostolo di Gesù)

Un'altra scrittura: Giovanni 13:18 "Non parlo di voi tutti; io conosco quelli che ho scelto, ma bisogna che si adempia questa Scrittura: "Colui che mangia il pane con me, mi ha levato contro il suo calcagno".

Furono fatte delle profezie riguardo a questo.

Salmo 41:9 " Persino il mio intimo amico, su cui facevo affidamento e che mangiava il mio pane, ha alzato contro di me il suo calcagno".

Zaccaria 13:6 " Se poi qualcuno gli dirà: "Che cosa sono queste ferite nelle tue mani?", egli risponderà: "Sono quelle con cui sono stato ferito nella casa dei miei amici". Colpito il pastore, le pecore sono disperse".

B) Il patto di Dio con l'uomo. Dio non distruggerà più la terra per mezzo delle acque.

Genesi 9:11-17...leggiamo il verso 13 " Io pongo il mio arcobaleno nella nuvola, e servirà di segno del patto fra me e la terra. 14 E avverrà che, quando farò venire delle nuvole sulla terra, l'arco apparirà nelle nuvole; verso 15 ...e io mi ricorderò del mio patto fra me e voi ed ogni essere vivente di ogni carne, e le acque non diventeranno più un diluvio per distruggere ogni carne ".

C) Il patto Abramico.

Genesi 17:1 "Quanto a me, ecco io faccio con te un patto: tu diventerai padre di una moltitudine di nazioni".

Verso 9 fino al 14 La controparte del patto umana era la circoncisione.

9 Poi DIO disse ad Abrahamo: «Da parte tua, tu osserverai il mio patto, tu e la tua discendenza dopo di te, di generazione in generazione.

10 Questo è il mio patto che voi osserverete, fra me e voi, e la tua discendenza dopo di te: ogni maschio fra voi sarà circonciso.

11 E sarete circoncisi nella carne del vostro prepuzio; e questo sarà un segno del patto fra me e voi.

12 All'età di otto giorni, ogni maschio fra voi sarà circonciso, di generazione in generazione, tanto quello nato in casa, come quello comprato con denaro da qualunque straniero che non sia della tua discendenza.

13 Sì, tanto chi è nato in casa tua come chi è comprato con denaro dovrà essere circonciso; e il mio patto nella vostra carne sarà un patto eterno.

14 E il maschio incirconciso, che non è stato circonciso nella carne del suo prepuzio, sarà tagliato fuori dal suo popolo, perché ha violato il mio patto».

Circoncisione = taglio intorno – ebraico mul = Rito iniziale che permetteva di entrare in possesso dei privilegi della famiglia di Dio, rappresentata da Abramo e dai suoi discendenti della stirpe d'Isacco. Segno di alleanza con Dio.

N.B. Esodo 4:25 "Allora Sefora prese una selce tagliente, recise il prepuzio di suo figlio e lo gettò ai piedi di Mosè, dicendo: «Tu sei per me uno sposo di sangue".

Gli stranieri che desideravano appartenere alla comunità Israelita dovevano sottoporsi alla circoncisione, qualunque fosse la loro età. (Genesi 34:14,17,22; Esodo 12:48)

La circoncisione veniva praticata all'età di otto giorni. Così come nella vecchia dispensazione la circoncisione era necessaria come segno di appartenenza al popolo di Dio, così nel Nuovo Patto per entrare a fare parte del popolo di Dio lo si diventa attraverso la "nuova nascita", che è simbolo della circoncisione. (Giovanni 3:5)

"Se uno non è nato di nuovo non può vedere il Regno di Dio".

D) Il decalogo o i dieci comandamenti. (Deuteronomio 5:13)

Deut.5:1 Mosè convocò tutto Israele e disse loro: «Ascolta, Israele, gli statuti e i decreti che oggi io proclamo ai tuoi orecchi, perché li impari e ti impegni a metterli in pratica.

2 L'Eterno, il nostro DIO, stabilì con noi un patto in Horeb.

3 L'Eterno non stabilì questo patto con i nostri padri, ma con noi, che oggi siamo qui tutti quanti in vita. ( Vedi Esodo 20 )

I° Sottopunto - N: B. nel Regno si osserva la legge.

Gesù parlò con i suoi discepoli durante i sermone sul monte, e fece comprendere che la legge mosaica è santa, e buona e giusta, per cui va osservata e non violata. Poiché chi l'osserva sarà chiamato grande nel "Regno dei Cieli", ma chi l'avrà violata sarà chiamato minimo. ( Matteo 5:19)

II°Sottopunto - I dieci comandamenti non producono ne vita ne salvezza, ma sono la giusta conseguenza della vita pratica a cui ogni cristiano è chiamato a vivere.

E) Per questo motivo Gesù è diventato garante di un Nuovo Patto.

(Colossesi 2:8-23)

"Andiamo al verso 14...Egli ha annientato il documento fatto di ordinamenti, che era contro di noi e che ci era nemico, e l'ha tolto di mezzo inchiodandolo alla croce".

Verso 16 ...." Nessuno dunque vi giudichi per cibi o bevande, o rispetto a feste, a noviluni o ai sabati"

I sacrifici animali non potevano salvare l'uomo.

Già fin dal tempo di Abramo troviamo nelle scritture figure precursori del vero sacrificio espiatorio di Gesù Cristo.

Ebrei 12:24 " E a Gesù, il mediatore del nuovo patto, e al sangue dell'aspersione, che dice cose migliori di quello di Abele ".

Genesi 22:1-19 – Leggiamo dal verso 13 ... "Allora Abrahamo alzò gli occhi e guardò; ed ecco dietro di lui un montone, preso per le corna in un cespuglio. Così Abrahamo andò, prese il montone e l'offerse in olocausto invece di suo figlio.

Certo, dopo duemila anni doveva venire il vero agnello vittima sacrificale per i peccati dell'uomo. Nel sacrificio di Isacco non appare un agnello ma un montone – Un agnello doveva invece essere ucciso per noi!

Alcuni riferimenti in cui Dio da delle prescrizioni riguardo i sacrifici di grazie e di riparazione.

Esodo 20:24 – Dopo il decalogo Dio da Esodo 40:6 – Nel Tabernacolo l'altare de

le prescrizioni per edificare un altare di gli olocausti all'ingresso della Tenda di

terra per gli olocausti. Convegno.

Levitico 8:18 – Aronne e i suoi figli Levitico 16:24 – Qui Aronne lo vediamo

mettono le mani sulla testa del monto con Mosè che fa i sacrifici per se e per ne dell' olocausto per i peccati, e lo popolo.

scannò, e ne spruzzò il sangue intorno

all'altare.

Ebrei 9:22 – " E secondo la legge, quasi tutte le cose sono purificate col sangue; e senza spargimento di sangue non c'è remissione.

Ebrei 9:11-12 – "Ma Cristo, essendo venuto come sommo sacerdote dei beni futuri, attraverso un tabernacolo più grande e più perfetto non fatto da mano d'uomo, cioè non di questa creazione, 12 entrò una volta per sempre nel santuario, non con sangue di capri e di vitelli, ma col proprio sangue, avendo acquistato una redenzione eterna".

Leggere Giovanni 19:30 "Quando Gesù ebbe preso l'aceto disse: «È compiuto». E, chinato il capo, rese lo spirito".

3) Ora andiamo a vedere in Genesi la causa di tutti i peccati degli uomini. e noteremo come Gesù fu tentato da satana in tutti e tre i punti in cui fu tentato Adamo. (Matteo 4)

Genesi 3:8,9 – "8 Poi udirono la voce dell'Eterno DIO che passeggiava nel giardino alla brezza del giorno; e l'uomo e sua moglie si nascosero dalla presenza dell'Eterno DIO fra gli alberi del giardino. 9 Allora l'Eterno DIO chiamò l'uomo e gli disse: «Dove sei?".

Ancora in Genesi 3:1-7 - Notiamo la caduta e la sconfitta dell'uomo in tre aree:

Concupiscenza della carne. Perché tutto ciò che è nel mondo, la concupiscenza

Concupiscenza degli occhi. della carne, la concupiscenza degli occhi, e l'orgo

Orgoglio della vita. glio della vita, non viene dal Padre, ma dal mondo. (1 Giovanni 2:16)

A) Le conseguenze della caduta.

I° Sul piano fisico: * il suo corpo perse l'immortalità;

fu soggetto alle malattie e invecchiava;

non era più autorigenerante.

II° Sul piano intellettivo: *mente, *emozioni e *volontà furono menomati: egli inizia ad . identificarsi col corpo (destinato a invecchiare) e non più con lo

Spirito.

III° Sul piano intellettuale: morì! (Separazione da Dio); l'elemento di maggior valore che egli

compromise fu la libera comunione con Dio.

La ribellione dell'uomo ha dirottato la sua facoltà di comunicare con Dio ed ha posto una barriera fra i suoi eredi (tutti gli uomini) e il creatore.

Alcune scritture a riguardo:

1) Romani 3:10 Come sta scritto: «Non c'è alcun giusto, neppure uno.

2) Romani 3:11 Non c'è alcuno che abbia intendimento, non c'è alcuno che ricerchi Dio.

3) Romani 3:12 Tutti si sono sviati, tutti quanti sono divenuti inutili; non c'è alcuno che faccia il bene, neppure uno.

4) Romani 3:13 La loro gola è un sepolcro aperto con le loro lingue hanno tramato inganni, c'è un veleno di aspidi sotto le loro labbra;

5) Romani 3:14 la loro bocca è piena di maledizione e di amarezza;

6) Romani 3:15 i loro piedi sono veloci per spandere il sangue;

7) Romani 3:16 sulle loro vie c'è rovina e calamità,

8) Romani 3:17 e non hanno conosciuto la via della pace;

9) Romani 3:18 non c'è il timore di Dio davanti ai loro occhi».

10) Romani 3:23 poiché tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio.

B) Cosa succede dopo Adamo a tutti gli uomini?

Che tutti sono sotto peccato!

Romani 5:12 "Perciò, come per mezzo di un solo uomo il peccato è entrato nel mondo e per mezzo del peccato la morte, così la morte si è estesa a tutti gli uomini, perché tutti hanno peccato".

N.B. – La scrittura insegna nei passi di Genesi 8:21 e salmo 51:5 che, nel momento in cui è concepito, l'uomo è sottoposto alla tendenza a peccare ed alla ribellione contro Dio.

RIEPILOGO

"Espiazione" V. T. - cafar = Che significa in primo luogo coprire. Così è il termine che viene usato in Genesi 6:14 – in riferimento alla costruzione dell'Arca; cafar = spalmata di pece.

Questo termine prese in seguito il significato di togliere, cancellare.

La parola "Espiare ha in se anche il senso di "riparare".

Nel N.T. il termine assume ancora un significato più competo e preciso: 1) sacrificio; 2) propiziazione; 3) riconciliazione; 4) offerta; 5) redenzione; 6) riscatto.

I°) Patto: Dio fa un patto all'insaputa dell'uomo, (Gen. 3:15) affermando che il seme di Eva avrebbe schiacciato il capo al serpente.

II°) Patto: Dio non avrebbe più distrutto la terra con l'acqua.(Gen. 9:11-17)

III° Patto Abramico: Dio promette ad Abramo che sarebbe diventato padre di molte nazioni. (Gen. 17:1)

La controparte del patto umana era la circoncisione.

Nel regno si osserva la legge, i dieci comandamenti non producono ne vita, e ne salvezza, ma sono la giusta conseguenza della vita pratica cui ogni cristiano è chiamato a vivere.

Gesù è diventato garante di un Patto migliore.

I sacrifici animali non potevano salvare l'uomo.

Secondo la legge, quasi tutte le cose sono purificate col sangue, e senza spargimento di sangue non c'è remissione. (Ebrei 9:22)

Le conseguenze della caduta dell'uomo lo compromisero sul piano fisico, intellettivo e spirituale.

La ribellione dell'uomo a dirottato la sua facoltà di comunicare con Dio, ed ha posto una barriera fra i suoi eredi (tutti gli uomini) e il Creatore. (Rom. 3:10-23)

La scrittura insegna nei passi di (Gen. 8:21 e Salmo 51:5) che dal momento in cui è concepito, l'uomo è sottoposo alla tendenza a peccare ed alla ribellione contro Dio.

Ultima modifica ilMartedì, 24 Gennaio 2012 18:05
Torna in alto

la sorgente di vita

Entra or Crea Account